GLOSSARIO

PDF Stampa E-mail

Tipologie abitative

Dettagli d’interno

Caratteristiche dell’edificio

Stato dell’appartamento

Termini fondamentali del settore immobiliare

Tipologie abitative:

  1. Convertible – appartamento in cui un ampio soggiorno è stato diviso in due vani separati per far posto a una nuova camera da letto. Si conserva tuttavia uno spazio ad uso comune, talvolta limitato esclusivamente a bagno ed angolo cottura. Si privilegia quindi la zona notte rispetto alla zona giorno.
  2. Duplex –appartamento su due livelli, ma anche casa con due unità abitative, dislocate su due piani posti l’uno sull’altro.
  3. Home Office - ci si riferisce ad uno spazio in tutto simile allo Junior One, ma non dotato di finestra. Legalmente non può essere considerata una stanza da letto, in quanto mancante di propria illuminazione/aerazione. È pertanto utilizzabile solo come ufficio.
  4. Junior One - uno spazio con finestra e armadio, spesso a muro. Se presenti più ambienti, non ci sono porte ma “separè” quali soffietti, tende.
  5. Penthouse – Attico. Si tratta di unità abitative di lusso. Solitamente sviluppate su uno dei livelli più alti di edifici a molti piani (i cosiddetti high-rise) e godono quindi di vedute eccezionali. Possono prevedere anche l’accesso a piccoli terrazzi privati.
  6. Quadraplex –appartamento su quattro livelli.
  7. Studio –monolocale con angolo cottura e bagno, senza stanza da letto. Soggiorno e letto sono alloggiati nello stesso spazio. Solitamente dotati di una piccola cucina indipendente o angolo cottura.
  8. Triplex –appartamento su tre livelli.

Dettagli d’interno:

  1. Alcove – Area del soggiorno parzialmente separata dal resto, non da porte ma da mobile o libreria. Grande a sufficienza per collocarvi un letto o altro mobilio.
  2. Bay window – è una finestra aggettante dalla facciata di un edificio, generalmente a pianta semicircolare o poligonale.
  3. Le bow-window si trovano prevalentemente negli edifici di fine secolo e in quelli prebellici.
  4. Built-in appliances – sono gli elettrodomestici, come lavastoviglie, lavatrice, forno a microonde, frigorifero, già installati e posti generalmente in cucina o in bagno.
  5. California Closet – è una cabina armadio con cassetti e scomparti fissati al muro.
  6. Den – è una camera da letto impiegata generalmente come ufficio, studio o libreria.
  7. Dual Sinks / Dual Vanity – è una bagno con due lavabi separati, in origine per lui e per lei.
  8. EIK – abbreviazione di Eat-In Kitchen. A differenza delle cucine a muro, è una cucina più grande che può ospitare un tavolo con delle sedie o una piccola isola.
  9. En-Suite Bathroom – è un bagno adiacente o addirittura all’interno della stanza da letto con accesso esclusivamente tramite quest’ultima connotandone l’esclusivita’. Tipico di appartamenti di un certo livello che presentano anche un altro servizio per ospiti.
  10. Fireplace – è un caminetto, e può essere funzionante (WBFP = wood-burning fireplace, cioè caminetto a legna), oppure decorativo (NWFP = non-working fireplace, cioè caminetto non funzionante) o a gas.
  11. High ceilings – sono soffitti superiori a 2,74 metri. Gli edifici prebellici sono noti per avere soffitti molto alti, e spesso decorati.
  12. Mezzanine o Loft Area - soppalco solitamente costruito sul soggiorno, a cui si accede attraverso una scala. A seconda dell’altezza del soffitto, questo spazio può essere impiegato come camera da letto, ripostiglio o studio.
  13. Murphy Bed – si tratta di un letto a muro, che può essere aperto se necessario. È un ottimo modo per risparmiare spazio in appartamenti piccoli. Niche - una rientranza nel muro, solitamente a forma semicircolare.
  14. Oblique Views – si riferisce a viste non frontali su luoghi quali il Central Park, quelli di particolare interesse o i due fiumi.
  15. Original Detail – sono i dettagli originali. Il termine si riferisce alle decorazioni negli edifici prebellici, come gli stucchi sui soffitti, o la cornice decorata dei caminetti. Parliamo di Alcove Studio quando è dotata di letto. La Dining Alcove è invece dotata di tavolo per mangiare separatamente dalla cucina.
  16. Partial Views – si riferisce alla vista sul Central Park, su luoghi di interesse particolare, sull’Hudson o sull’East River.
  17. Powder Room – come il termine 'half bath', designa un bagno senza doccia o vasca.
  18. Pullman o Petite Kitchen – Angolo cottura di appartamenti piccoli o monolocali. È una cucina che si sviluppa lungo una sola parete. Queste cucine sono di solito dotate di frigorifero (di diversa grandezza), un piano cottura a due fornelli, un piano lavoro, uno o più armadietti e un lavabo.
  19. Recessed Lighting– è l’illuminazione degli appartamenti di nuova costruzione. Il termine si riferisce all’illuminazione inglobata nel soffitto, che non comporta quindi la presenza di lampadari.
  20. Utilities – sono i servizi come l’elettricità, il riscaldamento, l’acqua, il telefono e la TV. Possono essere o inclusi nell’affitto o dovuti a parte. Tipicamente l’affitto di un apt a New York include riscaldamento e gas.
  21. Walk-In Kitchen –cucina che contiene elettrodomestici e pensili, ma non ha lo spazio per un tavolo.
  22. Walk-through o Pass-through Kitchen –cucina che si trova tra due stanze (solitamente un soggiorno e un tinello).
  23. WEIK – abbreviazione di Windowed Eat-in Kitchen, ovvero cucina abitabile con finestra.

Caratteristiche dell’edificio:

  1. Amenities – con questo termine si designano quelle caratteristiche e quei servizi aggiuntivi offerti dai complessi abitativi, quali la piscina, la palestra, l’accesso a banda larga, la terrazza sul tetto, ecc. Sono servizi non essenziali, ma rendono l’appartamento più attraente e di valore commerciale.
  2. Attendant (Full-time o part-time) – è un incaricato del condominio che può svolgere le mansioni di portiere, portinaio o di ragazzo dell’ascensore.
  3. Attended Elevator – in alcuni edifici prebellici, gli ascensori sono messi in funzione da portieri, che agiscono anche per la sicurezza dell’edificio.
  4. Basement – è la zona dell’edificio al di sotto del livello stradale.
  5. Concierge – è un portiere che sta nell’atrio del palazzo e lavora per la sicurezza, tiene d’occhio chi entra ed esce dal palazzo. Tra i doveri del portiere anche quello di consegnare la posta o i pacchi e di informare gli affittuari della presenza di visitatori, ecc.
  6. Courtyard – è il cortile, uno spazio all’aperto circondato dal complesso abitativo.
  7. Doorman (Full-time or part-time) – è una persona che apre la porta agli inquilini (a seconda del tipo di caseggiato) e che, tenendo d’occhio chi entra ed esce, agisce anche per la sicurezza dell’edificio.
  8. English Basement – nelle cosiddette townhouse è l’area a piano terra o seminterrato con ingresso separato al di sotto della scalinata di accesso alla casa.
  9. Full-service building – è un edificio che ha sia la portineria che il portiere fuori.
  10. Keyed Elevator – si riferisce a un appartamento che occupa un piano intero dell’edificio, come spesso si vedono a SoHo o Tribeca e al quale si accede tramite ascensore privato con chiave d’accesso.
  11. Parlor Floor – è il secondo piano di una townhouse, accessibile dalla scalinata dell’ingresso principale. Il parlor floor, tradizionalmente, è la stanza più sontuosa di una townhouse e ha i soffitti più alti.
  12. Patio - è un giardino privato che si trova solitamente sul retro dell’edificio ed è a disposizione degli appartamenti a piano terra.
  13. Rooftop Deck / Sundeck – si tratta di uno spazio sul tetto dove gli inquilini possono godersi il panorama, riposare su chaise lounge o fare un barbecue (a seconda dell’edificio). Viene offerto in complessi lussuosi, grattacieli e in alcuni edifici a 3-5 piani (i cosiddetti walk-up).
  14. Service level – si riferisce al servizio di portierato.
  15. Superintendent – o anche “super.” È il responsabile per la manutenzione dell’edificio. Sono il tramite tra gli inquilini e l’edificio. Se il superintendent vive nell’edificio stesso, viene definito “live-in super.”
  16. Terrace – è un tetto o una sua parte, sistemato solitamente sulla zona rientrante di un edificio a molti piani. A differenza della terrazza all’ultimo piano, queste terrazze sono a disposizione dell’inquilino che ha l’appartamento che accede a questo spazio.

Stato dell’appartamento:

  1. As-is Condition - l’affittuario o l’acquirente prendono in consegna l’appartamento nello stato in cui si trova, senza aspettarsi che il proprietario o il venditore apporterà migliorie prima del contratto di affitto o vendita.
  2. Blue Ribbon Condition – è una casa che è molto vicina alle sue condizioni originarie, quindi come nuova.
  3. Broom Clean – è in uno stato ottimale.
  4. Triple Mint – il termine viene impiegato per descrivere una proprietà in condizioni eccezionali, immacolate, con riferimento alle condizioni generali dell’appartamento, della cucina e del bagno.

Termini fondamentali del settore immobiliare:

  1. Closing – è lo stadio finale di un accordo, quando avviene la formalizzazione del passaggio di proprieta’ e di tutta la documentazione inerente con consegna delle chiavi (il contratto era stato firmato in precedenza dopo la negoziazione e l’opportuna revisione e accettazione dei termini inclusi da parte dell’avvocato del venditore; alla firma del contratto si ha anche il Deposito di una somma vincolante)
  2. Closing costs - sono le spese aggiuntive alla transazione immobiliare, quali le spese notarili, quelle bancarie, quelle ipotecarie, di registrazione, ecc. Sono da aggiungere al prezzo finale per l’acquisto della proprietà. Common area – si tratta dell’area comune condominiale, che si trova dentro e fuori dall’edificio, ed è di proprietà di tutti i condomini o dei soci della cooperativa (nel caso di caseggiati in cooperativa). Queste aree includono il parcheggio, la piscina, la palestra, le aree gioco e gli altri servizi per la collettività.
  3. Common Charges – SPESE CONDOMINIALI è il canone mensile pagato dai proprietari in condomini non in cooperativa. Questo canone copre la manutenzione, le riparazioni e lo stipendio del personale.
  4. Co-Brokership – è un accordo che stabilisce che l’agente divide la commissione con un altra agenzia di intermediazione immobiliare, la quale propone un acquirente e porta a compimento la transazione. Quando l’agente riceve l’incarico, questo sarà libero di promuovere l’immobile presso altri agenti, di modo da raggiungere un numero maggiore di potenziali acquirenti. La maggioranza degli accordi immobiliari su Manhattan vengono raggiunti attraverso questa forma di co-intermediazione (Agente per il Venditore ed Agente per il Compratore).
  5. Credit rating – è il rating assegnato a ogni individuo, con le informazioni sul suo passato bancario negli Stati Uniti, l’indicazione della solvibilità (vengono generalmente assegnati giudizi “buono” o “cattivo”), in base allo status finanziario e al suo passato creditizio. Credit report - è un rapporto che mostra, per la persona che chiede un prestito, la storia dei pagamenti a saldo di passati debiti. Molte aziende scrivono rapporti sulla solvibilità, ma le tre principali sono la TransUnion Corp., la Equifax e la Experian.
  6. Earnest Money Deposit – è una somma di denaro (la caparra) lasciata dal potenziale acquirente per mostrare la serietà delle proprie intenzioni ad acquistare l’immobile.
  7. Exclusive Listing – è un incarico di vendita promosso da un agente in base agli accordi che intercorrono con il proprietario dell’immobile. In un accordo di vendita esclusivo, all’agente spetta una commissione anche se il proprietario trova l’acquirente per proprio conto, senza l’assistenza dell’intermediario. Nella “exclusive agency”, invece, il proprietario può vendere l’immobile e trovare un acquirente senza alcun obbligo nei confronti dell’agente.
  8. FSBO – acronimo di “for sale by owner”, cioè “in vendita direttamente dal proprietario”.
  9. Guarantor – è il garante e il cofirmatario del contratto, e si assume la responsabilità di pagare qualora l’inquilino non riuscisse a pagare l’affitto nei tempi stabiliti. La presenza di un garante permette a studenti o persone senza una buona solvibilità di trovare una casa in affitto a New York. Alcuni padroni di casa esigono che il garante viva nello stato di New York o in uno dei due stati vicini (Connecticut e New Jersey).
  10. Investment Property – è un immobile che non è occupato dal proprietario ma viene acquistato come forma di investimento.
  11. Maintenance Fee - è l’assegno mensile pagato dagli inquilini in edifici in cooperativa a copertura dello stipendio dello staff e della manutenzione delle aree comuni, oltre alle tasse della cooperativa.
  12. Managing Agent - è una società indipendente ingaggiata da un proprietario o dai proprietari di un edificio in cooperativa per amministrare lo stabile. Una società di amministrazione è responsabile della gestione dell’edificio e delle riparazioni.
  13. Mortgage Banker – è una società che offre mutui usando fondi propri. Gran parte delle banche (tra cui Wells Fargo Bank, Citibank, HSBC, Chase e molte altre) hanno programmi per mutui. Prima di decidere di comprare, puoi rivolgerti a una di queste banche per ottenere le informazioni sui requisiti per aver accesso a un mutuo.
  14. Mortgage Broker – è una società che fa incontrare istituti di credito e potenziali contraenti di mutui che abbiano i requisiti dei creditori. Il mortgage broker non emette un prestito, ma viene pagato dal creditore per il servizio che offre. Un buon mortgage broker ti saprà consigliare anche sul prestito più adatto alle tue esigenze, e saprà inoltre offrirti varie opzioni creditizie tra cui scegliere.
  15. Open House – Al fine di pubblicizzare un immobile, l’agente o la società di gestione possono aprire l’immobile al pubblico, che potrà quindi visitarlo, dandone notizia negli annunci di vendita o nei siti web consultabili pubblicamente.
  16. Pied-a-Terre (termine francese) – è un termine che si riferisce ad un appartamento che non è la residenza abituale del proprietario. Il proprietario di un pied-a-terre vive solitamente in un altro luogo ma si trova spesso a New York.
  17. Rent Control – si tratta di un programma che si applica agli stabili costruiti prima del 1947 e stabilisce la cifra massima che un proprietario può far pagare per l’affitto. Gli inquilini che vivono in questo regime di controllo godono di maggiori garanzie contro aumenti dell’affitto o lo sfratto.
  18. Rent Stabilization – agli inquilini che vivono in appartamenti con affitto regolamentato viene garantito un aumento massimo dell’affitto, solitamente tra il 2% e il 10% ad ogni rinnovo del contratto.
  19. Renters Insurance (Tenants Insurance) – si tratta di una polizza assicurativa che protegge le cose in possesso all’inquilino in caso di perdite d’acqua, fuoco, furto e altri casi particolari.
  20. Security deposit - è una somma di denaro richiesta dal padrone di casa per garantire che l’affittuario rispetti le condizioni del contratto. Equivale solitamente a un affitto mensile, da pagare al momento della stipula del contratto, e tenuto dal padrone di casa per tutta la durata del contratto. La somma verrà restituita alla consegna dell’appartamento, dopo che viene appurato che non sono state danneggiate le strutture, gli arredi, ecc.
  21. Subletting/Subleasing – si parla di subaffitto quando un affittuario decide di cedere in locazione l’appartamento a un terzo, per un certo periodo, previa l’approvazione da parte del proprietario e dell’amministrazione dello stabile.
  22. Title – è il documento legalmente valido che dimostra che il proprietario è legalmente titolare della proprietà. Clean title indica che non esistono pegni o altri procedimenti sull’immobile. Chain of title elenca tutti i precedenti possessori di un particolare immobile. Cloud on title indica la presenza di procedimenti legali o rivendicazioni che intaccano la commerciabilità della proprietà di un particolare immobile.